L’Erasmus: l’esperienza più bella per uno studente universitario

L’Erasmus, il programma che da più di un ventennio ha permesso a tantissimi giovani di tutta Europa di trascorrere un periodo di formazione in un Paese appartenente alla Comunità Europea è probabilmente una delle esperienze più belle e più significative che un giovane universitario possa intraprendere nel suo percorso di studi.

Il progetto Erasmus, dall’anno della sua nascita, nel 1987, ha subito diversi cambiamenti ed evoluzioni, assumendo nel 1995 la denominazione di progetto Erasmus/Socrates che si è concluso nel 2006. A partire da quell’anno è stato fondato il nuovo progetto Lifelong Learning Programme, con la finalità di racchiudere al suo interno tutti i progetti di respiro internazionale della Comunità Europea destinati ai giovani.
L’ultimo “update” è stato realizzato nello scorso anno, con l’inaugurazione del Programma Erasmus+ che avrà una durata di sei anni, fino al 2020.

L’Erasmus, come già detto, è quindi sicuramente un’esperienza unica e forse irripetibile e proprio da questa certezza due giovani studenti dell’Università degli Studi della Tuscia, Fabio Morelli e Guglielmo Fassio, hanno deciso di creare un sito dove raccontano le erasmus experience: le esperienze di quanti più ex studenti Erasmus, in modo che le loro storie possano fungere da stimolo per chi in Erasmus sta pensando di andarci, ma ha ancora qualche timore sulla possibilità di partire.

Infatti, le difficoltà con cui devono interfacciarsi gli aspiranti studenti Erasmus prima della partenza sono diverse, tra cui la scelta degli esami da poter sostenere all’estero, con la paura che poi non vengano riconosciuti al ritorno, nonché la ricerca dell’alloggio, ma forse e soprattutto la paura di doversi confrontare con una cultura ed una lingua diversa dalla nostra. Tuttavia, lo scopo è proprio quello di far sì che chi avesse una minima intenzione di partire per quest’esperienza non si scoraggi alle prime difficoltà: nel sito infatti sono già presenti tante storie dove è possibile leggere come nonostante le difficoltà iniziali per tutti i ragazzi che sono partiti l’Erasmus si sia rivelata l’esperienza più bella, emozionante e forse irripetibile della propria vita.